07 Luglio 2020
news
percorso: Home > news > Loano

LOANO: Francesco Cenere, Uomo di Sport e non solo

10-10-2015 12:22 - Loano
Francesco Cenere

Francesco Cenere, ligure di Loano, giudice internazionale di ciclismo, ha preso parte a tutte le corse più importanti del mondo, sino ad arrivare all´apice come Presidente di Giuria al Tour de France. In questo articolo, ha preso spunto dal 50° compleanno di Maurizio Fondriest che si è celebrato agli inizi del 2015, per raccontare una delle sue tante esperienze vissute con il ciclismo, in particolare durante i Campionati del Mondo di Renaix in Belgio con la vittoria appunto di Fondriest. Un racconto da leggere tutto d´un fiato, pronti a salire in ammiraglia con lui, per rivivere quelle emozioni.

All´inizio del 2015 (il 15 gennaio per l´esattezza) Maurizio Fondriest ha compiuto 50 anni. Ed allora, il ricordo corre al 1988 quando a Renaix in Belgio egli si laurea, in una rocambolesca volata, Campione del mondo su strada.
Il 1988 è stata la mia prima stagione da Giudice Internazionale dell´Unione Ciclistica Internazionale (dopo anni di "gavetta" nelle categorie Regionale e Nazionale FCI prima e UCI poi).
Nel 1987 a seguito dell´ennesimo esame a Vienna, diventai, appunto Giudice Internazionale dell´Unione Ciclistica Internazionale.
Iniziai bene la mia carriera da Internazionale con la designazione alla Milano-Sanremo del 1988.
Dovete sapere che Presidente della Giuria ai Mondiali su strada di Renaix era stato designato dall´UCI, il Comm. Internazionale Ivo Bensa (*) di Imperia (a lungo storico Presidente del CONI provinciale, oltre che Giudice in numerosissime gare del Calendario mondiale, tra cui spiccano 12 giri d´Italia!).
Bensa era stato ed ancora è, il mio "maestro" ed il mio consigliere. Bene, con un Collega Giudice Nazionale di Imperia (Ivar Binon) decidiamo di andare, da semplici spettatori, ai Campionati del Mondo in Belgio.
Non avevo nessuna designazione specifica ma Bensa mi "obbligò" a portare con me la divisa da Internazionale (all´epoca una giacca rossa).
In quei periodi e per qualche anno ancora, ai Campionati del Mondo Professionisti, su ogni ammiraglia delle varie Nazionali prendeva posto un Giudice Internazionale per un "controllo" dall´interno della corsa di eventuali situazioni tecnico-regolamentari che potessero originarsi.
Tale attribuzione sulle varie ammiraglie avveniva, a cura del Presidente della Giuria, la sera della vigilia della corsa in linea.
Immaginate la mia grande sorpresa ed emozione allorquando nell´enunciare il lungo elenco delle varie Nazioni, a me venne attribuito il Belgio! In ammiraglia : Merckx, Sercu ed un meccanico!
In Belgio, Nazione tra le regine del ciclismo, al Campionato del Mondo, con due super campioni del ciclismo.....insomma ero al settimo cielo e credo di non aver chiuso occhio per tutta la notte della vigilia. Il mattino della corsa l´atmosfera era già...calda, l´ansia dei Belgi, ma non solo la loro, si tagliava con il coltello. Le aspettative erano molte per tutti.
Il cuore mi batteva a mille quando mi ....accovacciai in macchina. Già dal mattino il pubblico sul percorso era enorme, il tifo belga saliva alle stelle al passaggio dei corridori e della macchina con Eddy e Patrick.
Nell´aria il profumo che poi negli anni ho imparato a riconoscere in tutte le classiche del Nord, di salamelle e birra.
La tensione ed il tasso alcolico salivano!
Merckx e Sercu si alternavano alla guida parlando un po´ in italiano con me e in fiammingo quando non volevano farmi capire nulla...! Merckx fumava, solo per la tensione come mi disse lui, delle sigarettine che con due boccate finivano e mangiava, uno dopo l´altro, per placare i morsi allo stomaco, piccoli panini rotondi imbottiti.
Per ore abbiamo inanellato giri in questa eterna attesa del colpo d´artificio finale e più si avvicinava l´ora e più le sigarettine si alternavano ai panini!
I campanacci dei tifosi e quelli delle mucche sdraiate sui verdi prati si univano in un fracasso che rendeva pressoché impossibile udire, all´interno della macchina, le nostre voci e quelle dei corridori che, di tanto, si avvicinavano a Merckx per qualche ragguaglio tecnico.
Qualche caduta, qualche foratura ed i chilometri si assottigliavano. Infine ecco la radio annunciare, ma lo avevamo intravisto nella pianura belga, che tre corridori si avvantaggiano. Il loro margine è altalenante, aumenta, diminuisce....in un crescendo di ansia e di tensione alle spalle del gruppo. All´epoca non avevo ancora molta esperienza del caos (più o meno organizzato) che si crea dietro al gruppo tra macchine e moto, soprattutto nei momenti cruciali della gara.
Chi doveva dire ai propri corridori di proteggere la fuga, chi di andare in testa al gruppo a ricucire lo strappo....insomma ogni Tecnico di Nazionale giudicava cruciale ed indispensabile esserci ed essere il più vicino alla coda del gruppo per evitare sprechi di energie ai propri corridori nel ritornare nella pancia del serpentone....
Bensa aveva il suo daffare nel gestire questo traffico e, soprattutto, nel consentire a tutti di svolgere il proprio lavoro.
Quanto ho imparato vedendolo dalla mia macchina...."belga"!!
Ma non vi ho ancora detto chi erano i 3 protagonisti della fuga, ma so che li ricorderete sicuramente: Fondriest, giovane e talentuoso italiano con un gran curriculum tra i Dilettanti, l´idolo di casa Criqueillon e Bauer.
Ricordo che con un certo godimento risposi ad una domanda di Merckx sulle doti di sprinter di Fondriest. Benché l´arrivo fosse in leggera salita, vuoi per la distanza, vuoi per l´esiguo numero dei fuggitivi, Merckx, infatti, presupponeva un arrivo in volata dei 3 o al massimo di qualche altro elemento che fosse riuscito a riportarsi sulla testa della corsa.
Con godimento, appunto, risposi che un paio di anni prima (ero Giudice di arrivo prima del passaggio ad Internazionale) avevo visto Fondriest vincere un volatone a ranghi compatti ( minimo ci saranno stati nel gruppo ancora 150 corridori) al Piccolo Giro di Lombardia classica per Dilettanti.
Avesse avuto una cannuccia Merckx si sarebbe succhiato panino e sigaretta in un sol cocktail!
Ci siamo! Siamo all´ultimo chilometro, il vantaggio dei 3 resiste, ma non è mai tale da consentirci di superare il gruppo e di poterci portare alle loro spalle. Ecco l´ultima curva a sinistra, l´urlo della folla è assordante, tutti sono impazziti ed allungano il collo verso la piccola collina al cui culmine è posto l´arrivo.
La nostra macchina svolta quasi su due ruote ed improvvisamente si apre lo scenario degli ultimi 300-400 metri.
Ma ecco là sulla destra della strada é appena successo qualcosa, ma cosa?? Noi eravamo ancora dietro l´angolo della casa, non abbiamo visto!
Il pubblico sembra impazzito: tutti urlano qualcosa a Merckx ed a Sercu, in una ridda di versioni e di voci. Impossibile comprendere i fatti.
Merckx ferma l´auto a destra e scende di corsa verso il pubblico per decriptare le urla ed i gesti che le migliaia di persone gli stavano rivolgendo. Ritorna in macchina e spara un pugno sul volante! Criquelion e Bauer si sono scontrati e Fondriest è Campione del Mondo. Nella macchina mi sono fatto ancora più piccolo e silenzioso. Dribblando Criquelion che mestamente porta la propria bici oltre la linea, passiamo il traguardo. Il tempo di scendere e Merckx e Sercu sono già schizzati via.
Ma ormai lo speaker sta chiamando Fondriest al podio!
Ed io mi godo, finalmente, qualche ostrica con champagne che vedevo, giro dopo giro, degustati dal mio Amico Ivar al quartiere VIP......

(*) Ivo Bensa ha fatto parte, per anni, del direttivo UNVS di Imperia, Sezione "Roberto Gaglio"

Francesco Cenere


Note del Delegato UNVS Liguria Piero Lorenzelli

Francesco Cenere, dinamico personaggio, intimamente legato allo Sport (l´ultimo suo incarico alla Vuelta 2015) è stato, per anni, insegnante scolastico (ora in pensione), ma soprattutto ha ricoperto la carica di Sindaco di Loano per due mandati (1993 - 2001).
Insieme ad un gruppo di appassionati sportivi ha "ridato vita" alla Sezione UNVS di Loano, fondata nel 1980, per qualche anno inattiva: attualmente ne ricopre la carica di Segretario.
Insieme al Presidente UNVS Domenico Colnaghi ed a tutti i soci, ha organizzato il Campionato Italiano UNVS di podismo, sulla distanza dei 10 Km, competizione ormai giunta alla sua nona edizione, grazie all´ASD Runners Loano, ideatori della manifestazione sportiva "Giro delle Mura" della Città, territorio compreso nella Riviera delle Palme e degli Ulivi.
Nel 2016, la locale Sezione UNVS, insieme a quelle di Savona e Varazze hanno posto la candidatura per organizzare la prossima Assemblea Nazionale, da tenersi nella struttura di "Loano 2 Village"




Fonte: UNVS Loano

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account