20 Aprile 2018
[]
news
percorso: Home > news > Genova

Andrea Azzarito: storia di un ragazzo d´oro

14-04-2018 14:19 - Genova
Andrea Azzarito e Gaia Naldini

Dicono di lui che è un ragazzo d´oro e non c´entrano le medaglie che ha al collo, il titolo italiano nei 50 rana e quello di vice campione nei 50 dorso, conquistati lo scorso fine settimana a Cuneo. Andrea Azzarito, classe 1999, per la sua famiglia, i suoi allenatori e tutti quelli che lo conoscono è proprio così.
E´ felice per i risultati importanti che ha conquistato, quasi un riscatto, dopo l´emozione che lo frenò in occasione degli Epyg Games dello scorso anno, con la prima convocazione in Nazionale Giovanile Paralimpica.
E si racconta.
Andrea ti aspettavi di vincere:-"Sinceramente no, non pensavo di essere già al top della condizione. Ma a Cuneo ho capito che avrei fatto qualcosa di importante dopo la presentazione, ho sentito l´affetto del pubblico, che ringrazio, così come i miei allenatori Luca Puce e Gaia Naldini. Queste medaglie mi hanno fatto venire la carica giusta per fare ancora meglio".
Quando non nuoti cosa fai:-"Frequento l´ultimo anno del Liceo di Scienze Umane e anche un corso di informatica, ho imparato a usare il computer. Quest´anno avrò l´esame di maturità, un altro traguardo della mia vita, poi non ho ancora deciso, mi piacerebbe andare a lavorare perché il mio dovere di studente l´ho già fatto. Potrei anche frequentare un corso di cucina perché dicono che sono un mangione. Mi piace tutto, in particolare la pasta al pesto, da genovese doc, con il pesto preparato della mamma; la salsiccia e la carne impanata, poi il gelato di crema, panera e caffè".
A chi dedichi le medaglie:-"Alla mia famiglia, papà Pietro, mamma Patrizia, mia sorella Aurora ed il mio cane; ai miei allenatori Luca e Gaia per tutto il lavoro che stanno facendo su di me, ai miei amici, a Francesco Bocciardo. Domenica dopo le gare mi ha invitato a festeggiare in discoteca e io ci sono andato e mi sono divertito. Mi piace la musica romantica, in particolare Jovanotti, mi piace cantare, ma non riesco a farlo quando nuoto, sono troppo concentrato. Voglio ringraziare i miei compagni di scuola che mi sono sempre vicini perché ci vogliamo bene, i miei professori, la mia insegnante di sostegno Elena Balzani.
Saluto anche tutte le persone che mi seguono, anche dall´estero, sul mio profilo fb".
E poi:-"La mia passione era camminare e il mio desiderio era giocare a calcio ma purtroppo mi sono trovato su una sedia a rotelle".
Andrea si ferma ed è il papà a raccontare cosa gli è successo.
"Alla nascita ha avuto un´asfissia, un errore dell´ostetrica, da subito lo abbiamo portato all´estero, Repubblica Ceca e Germania , per i risultati che ha ottenuto ringraziamo il lavoro fatto da quei medici. Era rigido, i suoi muscoli non rispondevano, oggi è Campione Italiano e io ci credo, che possa migliorare ancora".
Ve lo aspettavate:-"Sinceramente no. Andrea ha dovuto ricominciare da capo perché è stato riclassificato quindi questo è un grandissimo risultato, significa che ha lavorato bene".
Come è arrivato al nuoto:-"Lo ha consigliato la sua fisioterapista che segue anche Francesco Bocciardo, anche lui lo ha aiutato e sostenuto".
Che figlio è:-"Con la sorella Aurora sono ragazzi d´oro".

MARCO CALLAI




Fonte: UNVS Genova - Genova

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata